• 17 Gennaio 2016

  • Zona: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà fisica: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà tecnica: mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

Percorso, indicazioni, consigli

Descrizione

Questo percorso era stato studiato tempo addietro ed era programmato per l'estate: presso la Cesera Pramosio Alta ed il Lago di Avostanis è presente una bellissima parete attrezzata per l'arrampicata. L'idea di MTB friuli era la creazione di un percorso multidisciplinare con mountain bike ed arrampicata sportiva, sia con l'opzione singola giornata che doppia. Vista però la scarsità di neve nel Gennaio 2016 abbiamo pensato di anticipare il giro cambiandolo con uscita su neve; ad ogni modo, il tracciato rimane lo stesso ed è percorribile in entrambe le maniere.

La zona su cui si sviluppa il percorso Cieùlis - Rifugio Pramosio - Lago di Avostanis è spettacolare: dalla foresta che viene attraversata alla partenza alle montagne che vengono raggiunte al guadagno di quota ma soprattutto il panorama che si gode al salire, il quale copre molti dei monti più belli della regione Friuli. Proprio per questo più di un giro del sito si trova in quest'area: il Monte Tenchia è il più facile di tutti, sia come difficoltà che sviluppo. All'avvicinarsi alla Casera Pramosio Alta si apre la vista sul Monte Tersadia, la cui cima viene raggiunta dal tracciato freeride Cabia - Monte Tersadia, allo stesso modo accade per il percorso Paluzza - Monte Paularo. Nelle vicinanze il tracciato misto sterrato e sentiero Timau - Passo Monte Croce Carnico - Rif. Marinelli. Ciò che invece condivide parte dell'itinerario, ed in particolare la partenza, è il ConTOUR FVG che il giorno n.6 passa per il paese di Cleùlis - Laipacco.

Il percorso per navigatore inizia dal punto di parcheggio, il che implica poche centinaia di metri di lunghezza su asfalto. Il giro Cieùlis - Rifugio Pramosio - Lago di Avostanis è stato comunque catalogato nella categoria "solo sterrato" visto che questa breve parte può essere evitata, percorrendola in automobile e parcheggiando nello spiazzo all'inizio dello sterrato, oltre che termine della discesa su sentiero.
La parte di salita dal paese - spiazzo appena citato fino al Rifugio Pramosio è su una strada sterrata aperta al traffico e per questo molto ben tenuta, con fondo largo e pendenze medio-basse dovute principalmente all'ampio numero di tornanti che la attenuano. In uno sviluppo di 7km si giunge al Rifugio Pramosio, la strada non presenta difficoltà, concede belle visuali sulla vallata, le montagne attorno ed in particolare alla cima del Monte Gamspitz, adiacente al Monte Creta di Timau, prossimo al termine del giro.

Superato il Rifugio Pramosio, la strada sterrata riduce la larghezza, aumenta la pendenza ed è ora chiusa al traffico: solo gli alpinisti possono percorrerla. Una piccola rampa fa costeggiare la Casera Malpasso, al di sopra della quale inizia un attraversamento del versante Sud delle montagne su cui si trova la strada, che termina presso la Cima Avostanis. L'attraveramento è comunque in salita, per guadagnare quota fino alla Casera delle Manze. Segue un tratto pianeggiante per oltrapassare un rio e si giunge infine al tratto finale, dove la pendenza è alta. Poche piccole curve fanno guadagare i 100m di dislivello in salita che portano alla Casera Pramosio Alta e ad Lago di Avostanis, termine della salita. Nonostante la pensenza in alcuni tratti, tutto il tragitto è su fondo sterrato.

Il panorama dalla Casera Pramosio Alta è concentrato sul Monte Creta di Timau, il quale spicca sopra la calità contenente il lago e la parete verticale, parete di roccia, della Cima Avostanis. Le viste migliori si godono poche decine di metri prima dell'arrivo alla casera, dove il campo di vista è aperto da Est ad Ovest passando per Sud. Si vedono quindi bene il Monte Paularo ed il Monte Tersadia, vicini come posizione, ma anche il gruppo degli Jôf, oltre queste due montagne. A Sud si vede la vallata del Torrente But, chiusa fra i Monti Amariana e Arvenis. Ad Ovest invece si trova il gruppo del Monte Coglians ed il Monte Crostis.

Come accennato all'inizio, la parete Sud della Cima Avostanis è attrezzata a palestra di roccia, chiamata Falesia di Avostanis. Esistono numerose vie di diverse caratteristiche, oltre a singola e moltipla cordata e con difficoltà dal 5° all'8° grado. Il tempo richiesto per la salita totale in bici non è molto: concede quindi di poter pedalare ed arrampicare lo stesso giorno. Nulla vieta però il pernottamento nella casera e l'arrampicata e discesa il giorno successivo.

La discesa del tratto fra Casera Pramosio Alta ed il Rifugio Pramosio si svolge sullo stesso tracciato della salita, diversamente il tratto dal rifugio al paese, punto di partenza, è segnato sul sentiero. Questo ha ottime caratteristiche: un buon fondo, assenza di ostacoli e grosse difficoltà. La strada percorsa in salita è ad ogni modo percorribile anche in discesa. Questa differenza fra parte alta e parta bassa concede una diversità nella corsa: se nel primo tratto sono presenti dei rettilinei con buona vista e senza ostacoli, ottimi per le alte velocità, la parte inferione richiede l'assetto per la discesa su sentiero, quindi più tecnica e meno velocità.

Il percorso è molto ampio come contenuti: dal punto di vista ciclistico si parte con pendenze medio-basse, dove in 7km si sale di 700m, per poi passare ad una strada più ripida che porta alla Casera Pramosio Alta, 1960m.s.l.m. La discesa invece si può svolgere su sentiero. Il periodo consigliato è quello estivo, così da aggiungere l'arrampicata alla mtb. Il totale sono 18km con 1250m di dislivello in salita.
Giro effettuato congiuntamente all'escursione del CAI Tricesimo, che ringraziamo per la collaborazione.

Strada di salita verso il Rifugio Pramosio.

Immersa nelle conifere, permette comunque delle belle visuali sulle montagne circostanti.

Durante la giornata in cui è stato svolto il giro il fondo della strada era con neve solida e ghiaccio.

Percorribile vista comunque la pendenza medio-bassa.

Il Rifugio Pramosio.

Il Monte Creta di Timau sulla sinistra.

Tratto di salita dal Rifugio Pramosio alla Casera Pramosio Alta.

La pendenza aumenta ma non è costante, prensenta tratti pianeggianti e piccole discese.

Punto di sosta panoramico a mezza salita dal Rifugio Pramosio alla Casera Pramosio Alta.

Sulla sfondo il Monte Terzo a sinistra e Monte Crostis sulla destra.

Vista della salita oltre la Casera Malpasso.

Si vede la stradina procedere dritta, il tetto della Casera delle Manze al centro, proprio sotto la cima della Creta di Timau.

I tornanti prima dell'arrivo alla Casera Pramosio Alta, la verticalità del versante ha obbligato alla costruzione di muri per la strada.

Il tratto finale è quello con la pendeza maggiore.

Pezzo di vista panoramica prima dell'arrivo alla Casera Pramosio Alta.

A destra il gruppo degli Jôf.

La Falesia di Avostanis.

Assieme alla Casera Pramosio Alta è il motivo di una gita multidisciplinare di uno o due giorni.

La Casera Pramosio Alta.

Aperta agli alpinisti, può essere usata come alloggio.

Il Lago di Avostanis coperto dalla neve.

Sopra di lui il Monte Creta di Timau.

Foto di un tratto del sentiero della discesa.

Non presenta difficoltà, fondo buono e largo, senza ostacoli.