• 06 Maggio 2017

  • Zona: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà fisica: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà tecnica: mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

Percorso, indicazioni, consigli

Descrizione

Pedalata in una zona indimenticabile della Regione Friuli Venezia Giulia, stupenda per i ciclisti ma percorsa da MTB Friuli principalmente su asfalto. Proprio per questo abbiamo realizzato questo tracciato, un mix al 50 e 50 fra sterrato e asfalto.
Una 50ina di km nel collinare dell'Alta Pianura del Friuli, tante piccole salite e discese con al centro il Monte di Ragogna, 500m di quota. Un tracciato semplice e fattibile da tutti vista la mancanza di difficoltà sia tecniche che fisiche, percorribile tutto l'anno. Dall'altra parte contiene sequenze di tratti adatti agli scatti seguiti da tratti di riposo, giusto per un buon allenamento!
Come detto sopra, altri percorsi attraversano questa zona: primo fra tutti L'Aquila in bici, fatto per scoprire il Friuli. I giri su misto sterrato/asfalto sono Martignacco - Collinare, Peonis - Val Tochel e Vito d'Asio - S. Martino. Su asfalto invece si pedala attraverso i tracciati Povoletto - San Daniele del Friuli, Basiliano - Ragogna - Martignacco e Cornino - Preone - San Francesco.

La partenza è dal piazzale antistante al Castello di Colloredo di Monte Albano, in sommità ad una delle prime colline dell'Alta Pianura del Friuli. Si procede verso il centro del paese, il discesa, deviando in breve destra e poi a sinistra, oltrepassando con un sottopassaggio la statale e proseguendo su sterrato.
Una decina di km principalmente su strada bianca, nel mezzo della campagna e con viste sulle colline circostanti, conducono costeggiando vari corsi d'acqua alla strada panoramica di San Daniele. Questa porta in salita, divisa in vari gradini, alla Piazza del Duomo di San Daniele.
Segue allora la discesa dalla collina lungo una stradina dei vecchi borghi, arrivando all'uscita dall'abitato. Si evita allora la strada principale verso il paese di Ragogna prendendone una, secondaria, che attraversa le periferie dei paesi di Pignano, San Giacomo e Ragogna, conguingendosi quindi con la strada più nota e raggiungendo il paese di San Pietro, l'inizio della salita al Monte di Ragogna.
La salita ha un aumento di quota di circa 200 m con pendenze basse e costanti. Il profilo altimetrico sopra riportato fa pensare ad un muro, ma non è così, la lunghezza della salita è di circa 5 km. Da notare, le viste al Castello di Ragogna, sulla sinistra ad inizio salita, la vista sul Fiume Tagliamento e la pianura, al secondo tornate.
Il termine della salita è seguito da una splendida discesa su asfalto che conduce al paese di Muris con un susseguirsi di curve e pezzi dritti, divertenti e veloci in discesa.

La permanenza sull'asfalto è breve: nel paese si svolta subito a sinistra pedalando verso il greto del Fiume Tagliamento, passando per le cave del paese di Cimano, raggirando la sua collina. Si procede quindi su asfalto verso il paese di Susans, nei boschi e con pareti rocciose al fianco della strada. Nuovamente, all'ingresso del paese, si svolta a destra procedendo su sterrato ed effettuando un traverso che offre una vista sul collinare fatto o da fare.
Ora si percorre la cittadina di Majano, arrivando ad una parte pianeggiante del tracciato, nella campagna, su sterrato.
Ci si avvicina all'arrivo, passando per il paese di Mels prima, Aveacco e Laibacco poi.
La conclusione è su una rampa, su strada asfaltata e stretta, che sbuca nella piazzetta da dove si è partiti, innanzi al Castello di Colloredo.

Il percorso è adatto a tutti i ciclisti e a tutte le stagioni: non presenta difficoltà tecniche o fisiche. Tutto su strade secondarie sterrate o asfaltate.
48 km di lunghezza e 700 m di dislivello positivo su pendenze basse e dividi in salite di massimo 200 m di D+.

MTB Friuli ringrazia Nirvano, Claudio, Mauro, Cristian, Carlo e Alessandro per la partecipazione e la compagnia.

Fuori da Colloredo di Monte Albano.

Seguono più di 10 km quasi tutti su sterrato.

Verso il Monte di Ragogna.

La vista all'arco delle Alpi Friulane è una costante.

Lungo il Canale Ledra.

L'arrivo "nascosto" a San Daniele.

Il Duomo di San Daniele.

Giro della piazza e poi giù verso Pignano.

Nuovamente nella campagna.

Davanti in Monte di Ragogna, prossima salita.

Il Castello di Ragogna.

Sulla sinistra all'inizio della salita al Monte di Ragogna.

Vista sulla pianura durante la salita al Monte di Ragogna.

Fra i paesi di Muris e Cimano.

Il Fiume Tagliamento scorre nascosto poche centinaia di metri sulla sinistra.

Nel traverso fra i paesi di Cimano e Susans.

Verso la conclusione.

Oltre il paese di Mels si corre su asfalto, con rampa per scatto finale.