• 5 Agosto 2014

  • Zona: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà fisica: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà tecnica: mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

Percorso, indicazioni, consigli

Descrizione

Questo percorso esce dalla regione Friuli - Venezia Giulia, sviluppandosi nelle Dolomiti di Santo Stefano di Cadore: ambiente splendido con una strada che mai un ciclista dimenticherà. Solo due giri si sviluppano in questa zona, poco coperta essendo al di fuori della regione: il primo è Sega Digon - Passo Cima Vallona, descritto in questa pagina, il secondo è il percorso Sappada - Laghi d'Olbe, un tracciato della categoria due giorni, anch'esso indimenticabile per la salita. Il ConTOUR FVG invece percorre questa zona nella tappa n.7, inizio del ritorno e principalmente in discesa.

L'itinerario inizia dal bivio della strada asfaltata, che dal paese Sega Digon porta alla Casera di Silvella e al Monte Cavallino, con la strada sterrata che conduce alla Malga Melin. Al bivio è presente un largo piazzale di parcheggio dal quale inizia il tracciato per bici incluso nel file per navigatore e descritto in seguito.
La parte iniziale del percorso ha fondo asfaltato con spesso ghiaia, principalmente sulle curve, e salita: l'unico tratto in (leggera) discesa è a poche decine di metri dal Passo Cima Vallona, termine del tracciato.
La caratteristica di questo percorso infatti è la ripidità della mulattiera sulla quale si sviluppa ed il suo fondo, che richiede tecnica e fisico per poterlo percorrere completamente in sella.

La parte iniziale della salita è sulla strada asfatata/sterrata, con pendenza medio-elevata, all'interno del bosco e con l'attraversamento del greto di un piccolo rivolo. Raggiunta la Malga Melin si procede sullo sterrato in direzione del Bivacco Piva/Cima Palombino che, in breve, all'uscita dal bosco, diventa mulattiera con un deciso aumento di pendenza. Purtroppo tutta la salita viene fatta "zigzagando" fra i piloni di un elettrodotto all'interno delle bellissime cime delle Dolomiti...

La mulattiera ha spesso un fondo mosso che fa scivolare le ruote e una pendenza non trascurabile. Chiaramente l'utilizzo di una mountain bike adatta è tutt'altro che trascurabile: ruote larghe e telaio adatto alla salita (es. l'ammortizzatore anteriore regolabile in altezza).

Raggiunto il Passo Cima Vallona si è sul confine Italia-Austria, alla quota di 2364m: la distanza percorsa dalla partenza è di quasi 6km con 900m di salita: la pendenza media è maggiore del 15%.

La discesa viene fatta sullo stesso tracciato della salita, in totale 12km con 900m di salita. Il periodo consigliato è quello estivo, quando si è certi che il fondo della strada non sia fangoso. Dall'altra parte la parte alta del percorso è completamente esposta al sole.

Dal parcheggio.

La salita inizia subito.

L'attraversamento del rivolo prima della Malga Melin.

La strada è ben mantenuta e usata.

Passata la Malga Melin.

Salita normale con fondo sassoso.

Salendo in quota.

La pendenza aumenta.

Il tratto più impegnativo del percorso.

Superato, si raggiunge il Cadin di Vallona.

Torrioni dei Longerini a Sud.

La parte superiore dell'arrivo al Cadin.

Il fondo è scivoloso.

Ponticello in legno.

Di positivo... c'è l'acqua a portata di mano.

Entrati nel Cadin di Vallona.

Il fondo della strada è sassoso e con erba, ma compatto e facile da percorrere.

Il Passo di Cima Vallona.

Confine Italia-Austria.