• 01 Agosto 2015

  • Zona: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà fisica: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà tecnica: mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

Percorso, indicazioni, consigli

Descrizione

L'itinerario Lesis - Forcella Clautana - Impronta Dinosauro si sviluppa nella Val Cellina, zona stupenda nelle Dolomiti Friulane. Il percorso entra nella vallata del paese di Claut per salire poi in quota, guadagnando un ottimo panorama sulle montagne circostanti. Altri due percorsi: Val Cimoliana - Rif. Pordenone e Montereale Valcellina - Pala d'Alte si sviluppano in questa zona. In aggiunta, la tappa n.8 del ConTOUR FVG parte dal paese di Cimolais per scendere lungo il Torrente Cellina fino al Lago di Barcis.

Giunti alla località di Lesis, sopra il paese di Claut, si parcheggia e si inizia la pedalata. L'inizio è su strada a pedaggio (per le auto), senza grosse salite per circa 1 km, poi si svolta a destra sulla strada, misto asfalto - sterrato, che sale alle Casere Pradut e Colciavas. Il fondo è sempre buono, versante Nord del Monte Ressetum all'interno del bosco: quasi tutto all'ombra. La pendenza è sostenuta ma abbastanza costante: circa 13% per 5 km di lunghezza, arrivando alla quota di 1370m. Lì si trova il bivio, dove si svolta a sinistra verso la Casera Colciavas e la Forcella Clautana. Una piccola discesa per ricominciare poi la salita, con pendenza minore rispetto alla precedente fino a quota 1560m, dove si trova la sella a Sud del Col de Tonòn, dove inizia la discesa.

La prima parte della discesa è su strada sterrata di buona qualità: permette di prendere velocità. Si raggiunge quindi la Forcella Clautana, dove si gira a sinistra prendendo il sentiero 966, Strada degli Alpini. Tranne qualche stretto passaggio, la qualità del sentiero è buona; pur essendo lievemente esposto non porta a grossi rischi. Cosa invece su cui prestare attenzione è la presenza di persone: come scritto per altre occasioni, quello che si percorre è un sentiero, fatto per gli alpinisti, non per le mountain bike!
Dopo una lunga serie di tornanti si giunge al prato della Casera Casavento, in vicinanza del Torrente Ciol de la Gialina, luogo dove è visitabile l'impronta del dinosauro, a poche centinaia di metri dalla strada.
Si riprende poi il ritorno, con una discesa che porta al Pian de Cea: un ampio greto di un torrente che viene attraversato sopra un guado. Ricomincia nuovamente la discesa che, quasi totalemente su asfalto, riporta al punto di partenza.

La zona è frequentata, è quindi consigliato per tranquillità propria e degli altri di evitare la stagione ed i fine settimana turistici, soprattutto per il sentiero fra la Forcella Clautana e la Malga Casavento.
Lo sviluppo del tracciato è di 22 km con 950 m di salita.

Dalla Sella del Col de Tonòn alla Forcella Clautana, per poi scendere lungo il sentiero 966, Strada degli Alpini.

Sentiero inizialmente esposto ma senza grosse difficoltà tecniche.

Tratto iniziale, fra la località di Lesis e l'inizio della salita verso la Casera Colciavas.

Panoramica verso le cime Pale de Cione e Cima Ciol de Sass.

Parte della salita verso la Casera Colciavas.

Tratti della strada hanno fondo sterrato.

Come prima, ma con fondo in asfalto.

La parte della salita fra il bivio e la Casera Colciavas.

Pendenza minore rispetto alla parte precedente.

Il prato antecedente alla Casera Colciavas.

Vista del versante dove si trova il sentiero 966, effettuato in discesa.

In alto a destra la Forcella Clautana.

L'impronta del dinosauro.

Rettilineo nella discesa.

Il Torrente Cellina presso la località Lesis.