• 01 Febbraio 2015

  • Zona: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà fisica: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà tecnica: mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

Percorso, indicazioni, consigli

Descrizione

Il percorso si svolge nella zona dell'isontino, in provincia di Gorizia. In una bella giornata invernale si ha la possibilità di godere dell'ottima vista dell'arco alpino circostante. Il tracciato contiene parti su asfalto, su sterrato, su pista ciclabile e su sentiero, oltre ad un tratto sulla pista di freeride. Può sembrare strano, ma rimane comunque adatto a tutti: le parti difficili sono sempre evitabili.

La partenza è nell'area sportiva di Romans d'Isonzo, in breve si gira e si punta a Nord, in direzione Medea - Ara Pacis, che si raggiungerà in circa 7 km su un mix di strade asfaltate, sterrate e ciclabili.
Arrivati alla partenza della salita il discorso cambia: la pendenza, in senso assoluto, non è elevata ma di certo si nota la differenza rispetto a quanto pedalato fino a quel punto.
Dopo un centinaio di metri sulla strada asfaltata principale si svolta a destra, prendendo un sentiero - mulattiera in salita, direzione Sud. Il sentiero costeggia poi il versante Sud della collina dell'Ara Pacis, mantenendo sempre una leggera pendenza in salita.
Ad un certo punto il percorso per navigatore svolta a sinistra - sì, proprio lì della scalinata. Nel percorso Medea - FreeRide questo piccolo tratto viene fatto in discesa. Per chi ha un po' di esperienza in mtb, anche se può sembrare strano, questo tratto può essere pedalato anche in salita, inoltre c'è un sentiero a lato della scalinata. Ad ogni modo, la scalinata può essere facilmente evitata, proseguendo sulla mulattiera per una ventina di metri e poi girando a sinistra, sulla strada parallela alla scalinata. Entrambe conducono alla Chiesa di S. Antonio, dalla quale parte un sentierino che riporta alla mulattiera.
Volendo, questo tratto può essere evitato, è una deviazione della strada principale.

Proseguendo sulla mulattiera e poi sentiero, sempre in salita, si raggiunge il piazzale dell'Ara Pacis.
A questo punto ci si prepara per il ritorno: il primo tratto verrà fatto sulla pista da freeride. Questa è ben tenuta, contiene i "giochi" per il freeride e le deviazioni per evitarli. Ad ogni modo, in breve di scende dalla collina, ritornando alla pianura e puntando verso Romans, il punto di partenza.

Il percorso è lungo 15km con 150m di salita. E' adatto a tutte le stagioni, un piccolo accorgimento è evitare i giorni appena dopo le piogge: il terreno della collina dell'Ara Pacis rimane compatto ma molto scivoloso, poco piacevole sia in salita che in discesa.

Il tratto sulla pista ciclabile Celso Macor, fra Romans e Versa.

Foto da Zilli M.

Nella campagna a Nord di Romans d'Isonzo.

Sullo sfondo il colle dell'Ara Pacis ed il Monte Canin.

Verso Medea.

Il tratto di sentiero - mulattiera che porta dalla strada asfaltata al versante Sud del colle.

La scalinata verso la Chiesa di S. Antonio.

Può essere evitata rimanendo sul sentiero - mulattiera o prendendo la strada verso la chiesa, una ventina di metri dopo la scalinata, sulla sinistra.

La Chiesa di S. Antonio.

Foto da aviana2

L' Ara Pacis

Foto da roberto. r.

Ara Pacis e Canin.

Foto da luca zonch