• 3 Giugno 2016

  • Zona: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà fisica: mtb friuli percorsi per bici

  • Difficoltà tecnica: mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

mtb friuli percorsi per bici

Percorso, indicazioni, consigli

Descrizione

Sauris/Zahre: l'estremità occidentale delle Alpi Carniche. Un territorio isolato, difficile da raggiungere tramite le strade, spettacolari per le viste, dal Passo Pura, dal Cadore, dalla Val Pesarina e, la migliore di tutte, un susseguirsi di ponti acrobatici e gallerie impervie, da Ampezzo.
Sauris, piccoli paesi (i principali Sauris di Sopra/Zahre e Sauris di Sotto/Dörf) che contengono una cultura particolare ed unica, dovuta dall'isolamento nei tempi passati della vallata dalle altre circostanti. Esempio simbolo, la lingua locale germanofona.
La valle di Sauris viene raggiunta dal giro su asfalto Passo Pura - Casera Razzo e percorsa, nel verso opposto, dalla discesa invernale su neve Casera Razzo - Villa Santina - Invernale. Il misto con salite che riportano bene le tipiche pendenze della zona è il Sauris di Sotto - Sella Festons - Forcella Pièltinis, visibile lungo la salita alla Sella della Rioda. Vista della vallata di Sauris dal Passo della Forcella, punto alto del giro Ovaro - Casera Forchia - Prato Carnico e del due giorni Lateis - Monte Forchia - Invernale.
Percorso che invece mostra al meglio le bellezze della zona è il tracciato Lago di Sauris - Sauris di Sopra - Monte Ruke il quale raggira il Lago di Sauris; toccando l'Orrido del Lumiei sale lungo in canalone a Sauris di Sopra, dove si possono visitare diverse attrattive. Discesa tecnica su sentiero o semplice su strada sterrata fino al lago.

La partenza è dal parcheggio all'uscita dall'abitato di Sauris di Sopra. Lieve salita inizialmente per poi stabilizzarsi ad una pendenza media e abbastanza costante. Sebbene il tratto sia su asfalto, la strada è mediamente poco trafficata e abbastanza larga per non ostacolare noi ciclisti.
In breve si giunge ad un traverso panoramico e pianeggiante lungo il versante Sud dei Monti Festons, Oberkofel e Palone. Il ponte sul Torrente Felempecle ed il suo ghiaioso bacino segna l'inizio della serie di tornati che conduce alla seguente montagna, il Monte Pezzocucco. La pendenza è simile al tratto iniziale, tranne che agli ultimi due tornati (Foto 3), dove la pendenza è del 18%. Superati questi, segue un tratto il leggera salita che porta alla Sella di Rioda, 1800 m, la quota massima del tracciato.
Inizia quindi una discesa, sempre su asfalto, verso la Sella di Razzo.

Lungo la discesa si svolta a sinistra, lasciando l'asfalto per passare allo sterrato.
Prima una piccola discesa e poi una piccola salita fanno passare al versante Ovest della vallata, collegandosi alla strada sterrata, sentiero CAI 210, verso la Casera Chiansaveit. Presso un ponte si svolta a sinistra, in discesa, raggiungendo la Casera Mediana lungo il sentiero CAI 209. La vista sulla Valle di Sauris, il paese di Sauris di Sopra e la discesa che si farà suggeriscono una sosta.

Si parte quindi con la discesa: completamente su strada sterrata, contiente tratti dritti seguiti da tornanti. Il buon fondo e la manutenzione concedono alte velocità.
La parte iniziale è lungo i prati, passando poi all'interno del bosco. Alla fine dei tornanti si giunge ad un incrocio, raccondo con il sentiero CAI 234, dove si svolta a sinistra arrivando al guado del Torrente Lumiei.

Oltre il guado si procede a destra, salendo leggermente e arrivando in poche centinaia di metri su sterrato ad un incrocio - di strade e percorsi: sentiero CAI 209 e percorso turistico 1d - giro MTBFriuli Lago di Sauris - Sauris di Sopra - Monte Ruke e Sauris di Sopra - Sella di Rioda.
Si gira a sinistra, prendendo la salita verso il punto di arrivo e partenza. La pendenza è quella tipica della zona: il fondo è cementato. Diminuisce poi, passando allo sterrato, ritornando nuovamente a circa il 20% su fondo asfaltato.
Questo segna l'arrivo al paese di Sauris di Sopra; attraversato l'abitato ci si collega alla statale e quindi al parcheggio, punto di arrivo.

Vista la quota, il percorso non è effettuabile d'inverno. A parte questo non sono presenti grosse difficoltà tecniche; la difficoltà fisica assegnata è dovuta alla rampa finale, non alla salita alla Sella di Rioda.
Il percorso ha una lunghezza di 18 km con 700 m di salita.

Filmato della discesa dalla Casera Mediana al Torrente Lumiei.

Tutto su strada sterrata, misto di rettilinei e tornanti.

Salita verso la Sella di Rioda appena fuori Sauris di Sopra.

Salita di media pendenza e abbastanza costante.

Tratto di attraveramento in piano fra le due salite.

Belle vista sulla vallata e le pareti e ghiaioni adiacenti.

Gli ultimi due tornanti.

Il tratto più pendente, 18%.

Verso la fine della salita sul Monte Pezzocucco.

Vista sui monti e al tracciato Sauris di Sotto - Sella Festons - Forcella Pièltinis.

Arrivo alla Sella di Rioda, 1800 m.

Fine della salita.

Attraversamento vicino alla Sella di Razzo.

Inizio dello sterrato.

I prati della Casera Mediana con panorama davvero ampio.

Dalla casera l'inizio della discesa.

Alla fine della discesa.

Il guado del Torrente Lumiei è il passaggio da discesa a salita.

Il tratto finale, il ritorno alla partenza.

Fondo cementato, ha la pendenza maggiore del percorso.

Uno dei tanti stavoli che si vedono durante il giro.

Spesso molto ben tenuto, ricordo dei tempi passati.